TEAM COOKING

LA CUCINA COME PALESTRA PER LA COSTRUZIONE DI UN TEAM DI SUCCESSO

Obiettivi

La cucina professionale per la non prevedibilità dei carichi di lavoro e la necessità di conciliarle risorse e i tempi a disposizione, è una sede privilegiata per la didattica dei comportamenti organizzativi. Non è un caso che, dalla seconda metà dell’Ottocento, l’organizzazione della ‘brigata’ sia stata sottoposta ad un lavoro di codifica e di definizione dei ruoli ricorrendo ad un ad un lessico preso a prestito dal linguaggio militare.

La preparazione del cibo e la sua condivisione hanno il pregio di ridurre i vincoli e le resistenze generate dai ruoli aziendali e favoriscono l’adattamento fra i partecipanti.

Il gruppo si cimenterà nella preparazione di un menu che, dopo il momento conviviale, costituirà lo spunto alla fase successiva di debriefing che condurrà i partecipanti a rilevare i comportamenti più funzionali al consolidamento del team.

Il programma consentirà ai partecipanti di:

  • apprendere alcune tecniche di preparazione gastronomica
  • sperimentare rapporti interpersonali con modalità diverse rispetto all’abituale contesto lavorativo
  • acquisire consapevolezza dei propri atteggiamenti nel gruppo e delle dinamiche di interazione fra i
  • componenti di un gruppo di lavoro
  • sperimentare comportamenti organizzativi efficaci e funzionali al raggiungimento di obiettivi di sviluppo aziendale.

Programma

  • Le dinamiche del lavoro di gruppo
  • Le regole per rendere efficace il lavoro di gruppo e L’organizzazione del lavoro di cucina
  • Individuazione dell’obiettivo gastronomico
  • Tecniche di preparazione
  • Sessione di lavoro gastronomica
  • Pranzo collettivo
  • Debriefing e valutazione collettiva dei risultati raggiunti.

Durata

Una giornata da svilupparsi parte in aula tradizionale, parte in una cucina didattica.

Docenti

Chef  Professionista

Esperto di organizzazione e comportamenti organizzativi

Metodologia didattica

I partecipanti saranno coinvolti nella preparazione di pietanze che saranno poi condivise. L’esperienza diretta consentirà di far emergere gli atteggiamenti personali e le dinamiche di interazione nel gruppo. Il docente metodologo fornirà la chiave interpretativa nel debriefing dell’attività esperienziale; lo chef esperto fornirà le regole essenziali del lavoro di cucina e di raggiungimento degli obiettivi gastronomici.

Le attrezzature necessarie saranno fornite dall’organizzazione. Sono necessari spazi adeguati per l’attività formale e per le esercitazioni di cucina.

Il corso sarà realizzato in una sede in grado di accogliere la fase esercitativa e quella interpretativa.