Conservazione e cottura delle verdure

Gli ortaggi sono alimenti fondamentali per tutte le diete. È importante che la verdura sia ben lavata e pulita con cura prima della cottura, soprattutto quando si consuma cruda.

Si possono conservare in frigorifero, ma con attenzione. Ogni frigorifero ha uno scomparto apposito per frutta e verdure. La temperatura giusta per una corretta conservazione è di 4-5° C. Si deve ricordare inoltre che il frigorifero mantiene fresche le verdure, ma non riesce a conservare intatte le loro proprietà nutritive, alcune delle quali con il tempo tendono a diminuire. Gli ortaggi quindi vanno consumati preferibilmente entro pochi giorni dall’acquisto.

Evviva il vapore!
La cottura a vapore è uno dei modi migliori di cuocere gli ortaggi. In questo modo le verdure trattengono tutti i sali minerali e gli altri fattori idrosolubili come le vitamine B e C. Ricordate che in commercio ci sono delle pentole speciali fornite di cestello forato e perfette per cucinare a vapore. I tempi di cottura sono gli stessi di quelli della tradizionale
cottura di immersione nell’acqua.

Altri tipi di cottura
Ideale sarebbe consumare la verdura cruda, ma non tutte le varietà sono appetibili se non cucinate.

Ecco dunque altri metodi di preparazione.

Quasi tutte le verdure sono adatte alla cottura in umido. Questo metodo di cottura consiste nel far prima rosolare gli ortaggi nel condimento, olio o salse, e poi continuare la cottura con l’aggiunta di acqua o brodo.
Le verdure più usate per questa cottura sono: le zucchine, le patate, le melanzane, i carciofi, i fagioli, fagiolini e peperoni. In padella vengono cucinate le verdure crude o parzialmente lessate e poi insaporite.

Famose nella tradizione italiana le zucchine oppure i funghi trifolati, perfetti con l’aggiunta di aglio e prezzemolo. Le verdure da cuocere alla griglia si condiscono con poco olio, sale, pepe e erbe aromatiche. Questo tipo di cottura è ottima soprattutto quando si sta seguendo una dieta alimentare. Le verdure più adatte sono funghi, peperoni, pomodori, melanzane.

Tutte le verdure (o quasi) si possono cuocere in forno, ma rendono meglio le verze, le cipolle, le patate, i funghi e i carciofi.

Infine, le fritture. La tradizione italiana porta in tavola tante e varie qualità di verdure fritte (infarinate o in pastella): buonissime, saporite e croccanti, ma sicuramente non dietetiche!

Fonte: https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4675

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 

Usiamo i cookies per migliorare la tua esperienza sul nostro sito web. Continuando con la navigazione accetti i nostri cookies.